TRIBEART / COMUNICATI


Informazioni utili


a cura di Sergio Troisi
Convento del Carmine
Piazza Carmine
Marsala (Trapani) - Sicilia
+39 0923711631
http://www.pinacotecamarsala.it
info@pinacotecamarsala.it

dal 15-07-2012 al 14-10-2012
vernissage 15/07/2012 ore 18.30
martedì-domenica 10-13/18.30-20.30
ingresso libero

SCHEDA SEDE
EVENTI IN CORSO A TRAPANI
EVENTI IN CORSO IN SICILIA



Il racconto del Novecento - Esposizioni e acquisizioni. Convento Del Carmine 1996/2012

Marsala (Trapani) - Convento del Carmine - Piazza Carmine
dal 15 luglio 2012 al 14 ottobre 2012
 
Dal 1996, anno di inaugurazione del Convento del Carmine quale sede della Pinacoteca Civica, sino al 2012, l'Ente Mostra di Pittura Contemporanea "Città di Marsala" ha prodotto e realizzato oltre venti rassegne espositive, tutte di rilevanza nazionale: un esempio di continuità che non ha riscontro in nessun'altra istituzione museale siciliana, premiato sia dai prestiti di opere di alcuni tra i più prestigiosi musei e fondazioni italiani che dalla costante attenzione della stampa nazionale.
Giunto al termine del suo mandato, il Consiglio di Amministrazione presieduto dal Notaio Pietro Giorgio Salvo ha deciso di ripercorrere la vicenda espositiva di questi anni in un volume che raccoglie le mostre realizzate e in una mostra che presenta, in un nuovo allestimento, le opere entrate a far parte della collezione della Pinacoteca in seguito alle mostre tenute nelle sale del Convento.
Il titolo Il racconto del Novecento suggerisce quali siano state, lungo tutto questo periodo, le scelte compiute dal direttore artistico Sergio Troisi: una lettura della vicenda del secolo scorso che rendesse conto di un'ottica storiografica che la chiusura del Novecento rendeva più completa e complessa, privilegiando quindi temi e percorsi monografici trasversali alla cultura artistica non solo italiana. Un attraversamento da molteplici prospettive - dalla prima mostra dedicata all' "Arte in Sicilia degli anni Trenta", tuttora riconosciuta come una pietra miliare negli studi di settore, all'ultima di Ugo Attardi - in cui, di fatto, quasi nessun tassello della storia dell'arte italiana del Novecento è stato tralasciato: dal ritorno all'ordine del periodo tra le due guerre alle inquietudini della Scuola Romana e di Corrente; dal Neorealismo del dopoguerra agli astrattisti del gruppo Forma, dalla galassia informale alla nuova figurazione, dalla Pop Art al Concettuale. Il racconto del Novecento diviene così un tassello della nostra storia comune.
Il capitolo delle acquisizioni costituisce l'altro tassello di questa iniziativa che rende conto di una attività che appartiene alla cittadinanza tutta di Marsala attraverso la raccolta della Pinacoteca Civica. Originate in gran parte come donazione - riconoscimento di un lungo lavoro organizzativo e di ricerca da parte di artisti ed eredi, le opere acquisite in questi anni tessono così un filo rosso delle scelte compiute: da Cagnaccio di San Pietro a Cagli, da Mirko a Pomodoro, da Marchegiani a Clerici, Verna, Isgrò e Pace, una raccolta testimone del ruolo che l'Ente Mostra ha assunto nel panorama espositivo nazionale.





Come sarà il nuovo MoMA

Il Museum of Modern Art (MoMA) di New York ha presentato il nuovo progetto di ristrutturazione ed espansione del suo edificio, realizzato dal prestigioso studio architettonico newyorkese Diller Scofidio + Renfro. Il piano prevede un ampliamento dello spazio espositivo di quasi 4.000 metri quadrati, il 30 per cento in più. I cambiamenti riguarderanno soprattutto l’ala occidentale del MoMA che dà sulla 53esima strada, e in particolare la contestata decisione di demolire l’ex sede dell’American Folk Art Museum. La decisione era stata annunciata dal museo nell’aprile 2013, dando inizio a numerose proteste tra architetti e designer, che l’avevano definita «sbagliata, dannosa e inutile». Era nata anche una campagna #FolkMoMA su Twitter e Tumblr per salvare l’edificio, realizzato dallo studio locale Tod Williams Billie Tsien Architects nel 2001, caratterizzato da una preziosa facciata bronzea e acquistato dal MoMA nel 2011. Dopo le proteste il MoMA incaricò lo studio Diller Scofidio + Renfro di trovare una soluzione per portare avanti la ristrutturazione e allo stesso tempo tenere in piedi il museo. (Il Post)

SELECTED VIDEO

ARCHIVIO