RECENSIONI


Alberto Abate - Dialogo con la testa

Un racconto in 100 opere di 10 anni di attività di uno degli artisti che ha guidato la riscossa della pittura nei confronti delle altre forme d'arte visiva.

di Giacomo Alessandro Fangano


Alberto Abate, Elogio alle arti, 1998, tecnica mista su carta, cm 400x300
Nella foto in basso: Alberto Abate, Senza titolo, 2010-2011, dittico, olio su tela, cm 33x66 
 
 
Per gli artisti le mostre non sono tutte uguali. In alcuni casi, per il particolare momento creativo o per la location, un'esposizione può assumere una rilevanza maggiore di un'altra. Per Alberto Abate una mostra al Palazzo della Cultura, organizzata dal Comune di Catania, era una di queste occasioni. Ne avevamo parlato lo scorso anno proprio dentro le sale che ospiteranno fino all'1 luglio le sue opere per la mostra organizzata dalla galleria Il Planetario di Trieste, Dialogo con la Testa - opere dal 2000 al 2011, che prende il titolo da un testo/manifesto sulla propria pittura dello stesso artista, inserito in catalogo insieme agli scritti di Beatrice Buscaroli e Carlo Micheli.
Abate la immaginava come una grande festa, una mostra pubblica da condividere con la “sua” città, con i tanti collezionisti e ammiratori, con gli artisti amici da una vita. Testa di ponte era Elogio alle arti, il grande disegno preparatorio del dipinto esposto al prestigioso The Crescent di Dallas, donato al Comune ed esposto in permanenza proprio al Palazzo della Cultura. Alberto però è morto lo scorso 9 marzo a poco più di due mesi dal 19 maggio, data prevista per l'inaugurazione di questa mostra preparata con cura negli ultimi anni e che non è riuscito a vedere. Per un ulteriore crudele gioco del destino il vernissage è stato annullato, insieme a tutte le attività in programma per la Notte dei musei, a causa dell'attentato nella scuola di Brindisi.
C'è dunque un forte legame di sangue e di cultura a caratterizzare il rapporto fra gli Abate, la città etnea e l'arte. Elementi così forti da affermarsi fra i più interessanti degli ultimi 130 anni della storia dell'arte della città etnea. Questo percorso si è dolorosamente interrotto a causa dell'aggressiva malattia che lo ha divorato in poco tempo. Alberto Abate è considerato uno dei padri di quel ritorno alla pittura figlio dell'ultimo scorcio degli anni Settanta, che ha in Catania uno snodo fondamentale, visto che il termine stesso più utilizzato per indicarlo, anacronismo, è stato coniato da un altro pittore catanese-romano, Franco Piruca. Come “reazione” allo strapotere di quel sistema dell'arte che aveva esaltato il concettuale, il poverismo, i nuovi medium o le provocazioni formali, una serie di artisti affermò orgogliosamente l'importanza degli stilemi e delle tecniche della grande arte del passato così, tralasciando il problema delle tematiche affrontate e delle diverse sfumature estetiche, di volta in volta per definire questa riscoperta si è parlato di magico primario, pittura colta, ipermanierismo, citazionismo, nuova maniera italiana. In questo variegato ma omogeneo mondo Abate si distingue per la raffinatezza e la complessità culturale e tecnica. Nelle sue opere non c'è mai puro esercizio di stile, ma ogni cosa sembra sempre essere al posto giusto, ogni singolo elemento che può apparire puramente decorativo è invece funzionale ad un equilibrio estetico, logico, formale, culturale, simbolico. Ma questa ricchezza è così universale da permettere a ciascuno di apprezzare anche solo una parte di questi aspetti concentrandosi su ciò che più facilmente può essere percepito, fosse solo l'assoluta qualità pittorica. Pur non volendo sottolineare un lineare rapporto di causa ed effetto, vale la pena sottolineare gli influssi che possono essere pervenuti da una ricca linea artistica e familiare.
 
 
 
 
Questi elementi, di inevitabili esperienze estetiche giovanili, hanno sicuramente pesato sulle scelte artistiche di Alberto Abate, che scelse una pittura e uno stile “anacronistici”. Alessandro Abate, zio paterno di Alberto, era stato fra i più importanti pittori, acquarellisti e affreschisti dello Stile floreale attivi dalla fine dell'Ottocento ai primi 50 anni del Novecento a Catania. Carmelo Abate, padre di Alberto, si era trasferito a Roma nel 1938 e aveva avuto un buon successo lavorando per sculture, bassorilievi e pannelli per il nascente quartiere EUR e per la Libia “italiana” e partecipando alla Quadriennale e all'Esposizione Universale. Nel 1946 nacque Alberto, nel 1952 il ritorno della famiglia a Catania, dove il giovane ebbe la sua formazione artistica con Domenico Tudisco e Giuseppe Giuffrida. Da Catania cominciò dunque la carriera che lo ha portato a esporre in decine di prestigiose mostre in tutto il mondo, e sicuramente non sarà l'ultimo atto di questa vicenda l'incontro sull'artista previsto per il 30 giugno quando si terranno un concerto di musica classica e l'annullo filatelico originariamente previsto per l'inaugurazione. Le circa 100 opere di questa esposizione hanno il pregio di mostrare con estrema chiarezza il percorso che l'artista aveva intrapreso negli ultimi 10 anni, una strada di sintesi che partendo dalle grandi opere piene di riferimenti e cariche di pittura e simbolismi dei primi anni duemila, arriva ai piccoli dittici degli ultimi anni, con profili di un uomo e una donna caratterizzati soprattutto da policromi sfondi geometrici.
Alla luce della prematura scomparsa, non si può restare indifferenti rileggendo oggi quella parte del suo Dialogo con la Testa in cui a proposito di questioni estetiche intorno alla pittura, la Testa “diceva” ad Abate «la tua Pittura è un fantasma che si ciba di fantasmi, e tu stesso sei divenuto un fantasma. Tu sogni e tu stesso sei il sogno...».
 
(Articolo pubblicato su TRIBEART#95)
 

Informazioni utili


Palazzo della Cultura
Via Vittorio Emanuele 121
Catania - Sicilia
http://www.comune.catania.it

dal 20-05-2012 al 01-07-2012
lunedì-sabato 9.30-13/15-19; domenica 9-13
ingresso libero

SCHEDA SEDE
EVENTI IN CORSO A CATANIA
EVENTI IN CORSO IN SICILIA




Come sarà il nuovo MoMA

Il Museum of Modern Art (MoMA) di New York ha presentato il nuovo progetto di ristrutturazione ed espansione del suo edificio, realizzato dal prestigioso studio architettonico newyorkese Diller Scofidio + Renfro. Il piano prevede un ampliamento dello spazio espositivo di quasi 4.000 metri quadrati, il 30 per cento in più. I cambiamenti riguarderanno soprattutto l’ala occidentale del MoMA che dà sulla 53esima strada, e in particolare la contestata decisione di demolire l’ex sede dell’American Folk Art Museum. La decisione era stata annunciata dal museo nell’aprile 2013, dando inizio a numerose proteste tra architetti e designer, che l’avevano definita «sbagliata, dannosa e inutile». Era nata anche una campagna #FolkMoMA su Twitter e Tumblr per salvare l’edificio, realizzato dallo studio locale Tod Williams Billie Tsien Architects nel 2001, caratterizzato da una preziosa facciata bronzea e acquistato dal MoMA nel 2011. Dopo le proteste il MoMA incaricò lo studio Diller Scofidio + Renfro di trovare una soluzione per portare avanti la ristrutturazione e allo stesso tempo tenere in piedi il museo. (Il Post)

SELECTED VIDEO

ARCHIVIO