TRIBEART / COMUNICATI


Un opera di Lucio Forte

Informazioni utili


a cura di Giuseppe Giacobino
Studio Raffaello Giolli Arte Contemporanea
Vicolo Lavandai 4
Milano - Lombardia
+39 3477686415
gfgiacobino@libero.it

dal 06-06-2012 al 20-06-2012
vernissage 06/06/2012 ore 18.30
16-19
ingresso libero

EVENTI IN CORSO A MILANO
EVENTI IN CORSO IN LOMBARDIA



Giovani artisti dei Navigli

Milano - Studio Raffaello Giolli Arte Contemporanea - Vicolo Lavandai 4
dal 06 giugno 2012 al 20 giugno 2012
 
Mercoledì 6 Giugno 2012 alle ore 18:30, allo Studio Raffaello Giolli Arte Contemporanea, Vicolo Lavandai, 4, Milano, si inaugura la seconda collettiva del gruppo dei "Giovani artisti dei Navigli", a cura di Giuseppe Giacobino. La mostra comprende le opere di: Giulia Beccalli, Lucio Forte, Roberta Gherardi, Costantino Giro, Andrea Liberni, Alban Met-hasani, Stefany Savino. La mostra si protrarrà fino al 20 Giugno, tutti i giorni dalle ore 16:00 alle 19.00.





Come sarà il nuovo MoMA

Il Museum of Modern Art (MoMA) di New York ha presentato il nuovo progetto di ristrutturazione ed espansione del suo edificio, realizzato dal prestigioso studio architettonico newyorkese Diller Scofidio + Renfro. Il piano prevede un ampliamento dello spazio espositivo di quasi 4.000 metri quadrati, il 30 per cento in più. I cambiamenti riguarderanno soprattutto l’ala occidentale del MoMA che dà sulla 53esima strada, e in particolare la contestata decisione di demolire l’ex sede dell’American Folk Art Museum. La decisione era stata annunciata dal museo nell’aprile 2013, dando inizio a numerose proteste tra architetti e designer, che l’avevano definita «sbagliata, dannosa e inutile». Era nata anche una campagna #FolkMoMA su Twitter e Tumblr per salvare l’edificio, realizzato dallo studio locale Tod Williams Billie Tsien Architects nel 2001, caratterizzato da una preziosa facciata bronzea e acquistato dal MoMA nel 2011. Dopo le proteste il MoMA incaricò lo studio Diller Scofidio + Renfro di trovare una soluzione per portare avanti la ristrutturazione e allo stesso tempo tenere in piedi il museo. (Il Post)

SELECTED VIDEO

ARCHIVIO