TRIBEART / COMUNICATI




Informazioni utili


a cura di Davide Sarchioni
Nuova Galleria Morone
Via Nerino 3
Milano - Lombardia
+39 0272001994
http://www.nuovagalleriamorone.com
info@nuovagalleriamorone.com

dal 29-03-2012 al 11-05-2012
vernissage 28/03/2012 ore 18.30
martedì-sabato 11-19
ingresso libero

SCHEDA SEDE
EVENTI IN CORSO A MILANO
EVENTI IN CORSO IN LOMBARDIA



The Cross Shown

Milano - Nuova Galleria Morone - Via Nerino 3
dal 29 marzo 2012 al 11 maggio 2012
 
La Nuova Galleria Morone presenta The Cross Shown, una mostra collettiva dedicata al tema della croce Una croce è un segno geometrico composto da due rette che si intersecano fra loro ed è uno dei simboli più ricorrenti e più antichi attestati nella storia dell'umanità. Le prime croci che l'archeologia menziona risalgono infatti all'antica Mesopotamia. Come figura geometrica la Croce ha una funzione di sintesi, di misura, di mediazione, di comunicazione. Essa infatti stabilisce relazioni con gli altri simboli: il centro, nell'intersezione fra le due rette; il cerchio, in quanto può esserevi inscritta; il quadrato e il triangolo in quanto forme variamente generate dalla congiunzione delle estremità attraverso segmenti di linee. La stessa intersezione delle due rette in un punto definisce anche l'idea di diversi moti opposti, centrifugo e centripeto. Simbolicamente la Croce rappresenta la congiunzione fra Terra e Cielo, Spazio e Tempo. La sua forma è infatti assimilabile alle figure emblematiche del Ponte e della Scala, indicando un passaggio, un percorso verso qualcosa. Ed è qui che interviene la simbologia cristiana, della Croce come simbolo del martirio di Cristo e della sofferenza umana, un momento sospeso tra la vita e la morte, ma anche la speranza nella resurrezione presupponendo un radicale cambiamento. Il progetto espositivo vuole proporre un ventaglio di possibilità che sia il più ampio possibile in relazione al tema, aperto ad ogni tipo di linguaggio, per creare una commistione efficace di idee e di visioni, di scambio fra generazioni diverse di artisti italiani e internazionali. Come si trattasse di un’unica installazione, l’intera galleria sarà invasa dalle opere degli artisti invitati al progetto: Wolfgang Betke | Giovanna Bolognini | Gabriele Bonato | Bruno Ceccobelli | Sandro Chia | Daniela Comani | Jeff Cowen | Felix Curto |Agenore Fabbri | Marco Grimaldi | Bertram Hasenauer |Pipo Hernandrez Rivero | Jannis Kounellis | Thomas Lange | Gianluca Malgeri | Giuseppe Maraniello | Jonathan Meese | Mimmo Paladino | Arnaldo Pomodoro | Mario Raciti |Arnulf Rainer | Giovanni Sesia| Sadegh Tirafkan | Marco Tirelli | Valentino Vago | Alec Von Bargen


Scrivi un commento




Inserisci il tuo nome o il tuo nickname e la tua email



N.B. Tutti i campi sono obbligatori. L'email non verrà visualizzata.





Come sarà il nuovo MoMA

Il Museum of Modern Art (MoMA) di New York ha presentato il nuovo progetto di ristrutturazione ed espansione del suo edificio, realizzato dal prestigioso studio architettonico newyorkese Diller Scofidio + Renfro. Il piano prevede un ampliamento dello spazio espositivo di quasi 4.000 metri quadrati, il 30 per cento in più. I cambiamenti riguarderanno soprattutto l’ala occidentale del MoMA che dà sulla 53esima strada, e in particolare la contestata decisione di demolire l’ex sede dell’American Folk Art Museum. La decisione era stata annunciata dal museo nell’aprile 2013, dando inizio a numerose proteste tra architetti e designer, che l’avevano definita «sbagliata, dannosa e inutile». Era nata anche una campagna #FolkMoMA su Twitter e Tumblr per salvare l’edificio, realizzato dallo studio locale Tod Williams Billie Tsien Architects nel 2001, caratterizzato da una preziosa facciata bronzea e acquistato dal MoMA nel 2011. Dopo le proteste il MoMA incaricò lo studio Diller Scofidio + Renfro di trovare una soluzione per portare avanti la ristrutturazione e allo stesso tempo tenere in piedi il museo. (Il Post)

SELECTED VIDEO

ARCHIVIO